Il teatro è un tempio, un tempio dove non entra mai il sole.


Si lavora sempre con poca luce, nel silenzio più assoluto; 
il testo va rispettato nelle sue virgole, va approfondito, perché tutto è nella parola.

 

Marcello Mastroianni

Calendario

Maggio 2016
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Ricerca

 

 

Associazione artistica "Benvenuto Cellini"

Benvenuti nel sito dell'Associazione Artistica "Benvenuto Cellini", tra le realtà culturali più longeve e vitali del padovano.

La Compagnia, da sempre costituita da figure animate dalla passione per il teatro fatto per diletto, ha coltivato l'arte della scena nel corso di una secolare e consolidata tradizione.

La Compagnia nasce nel 1935 sotto la direzione di Benvenuto Cellini con il nome "La Disperata".

Ricostituitasi nel 1946 dopo la pausa bellica, è stata accolta in diversi teatri del Veneto con la messa in scena delle commedie del suo nutrito repertorio fino al 1956, anno in cui, in seguito alla prematura scomparsa di Cellini, l'attività della Compagnia ha subito una temporanea battuta d'arresto.

Non molti anni più tardi alcuni dei compagni di Benvenuto (tra questi sono senz'altro da ricordare la sorella Anna e Gastone Mattiello), hanno ricomposto gli intenti denominando la ricostituita formazione "Benvenuto Cellini" in ricordo dello scomparso fondatore.

Ad oggi, molti sono stati gli allestimenti memorabili e a ricompensa di tanta dedizione non sono mancate le giuste gratificazioni.
La Compagnia ha sempre cercato l’aiuto e la collaborazione di personalità competenti del mondo dello spettacolo, in una continua tensione alla crescita.

 

L'Associazione Artistica "Benvenuto Cellini" è una realtà che, senza esibire i propri allori, le proprie medaglie, continua umilmente a perseguire quel lavoro, tanto prezioso per la crescita di una comunità civile, che è il donare stimoli al conoscere, al sapere, al porsi domande, al tentare quel "folle volo" cui l’Ulisse di Dante spinse i suoi compagni, senza il quale il nostro sarebbe un "viver come bruti".